67Trento Bondone 30/06-1-2 luglio 2017

Erano ben quindici le vetture che la Vimotorsport ha schierato al via della classicissima Trento-Bondone, cronoscalata valida come sesto round del prestigioso Campionato Europeo della Montagna e come sesta prova del Campionato Italiano Velocità in Montagna. Per il sodalizio vittoriese, grazie a Merli,

 De Gasperi e Moratelli vince l'ambita coppa di Scuderia. La parte del leone l'ha fatta il fortissimo pilota locale Christian Merli, che ha portato in gara la sua Osella FA30 Fortech.

Il velocissimo pilota trentino, dopo aver occupato un secondo posto assoluto nell'unica manche di prove disputata il sabato, si è ripetuto in gara, dove ha chiuso anche al primo posto della classe E2 SS 3000.

Purtroppo, il fatto di non aver potuto effettuare la seconda salita di prove, ha decisamente penalizzato Merli, che non è così riuscito così a trovare il set-up ottimale della vettura.

Nonostante tutto, prova decisamente positiva per lui, che davanti al pubblico amico ha ottenuto il suo miglior tempo di sempre.

Gara da incorniciare anche per l'altro pilota locale Diego Degasperi, che, nuovamente in gara con la Osella FA30, chiude in un eccellente terzo posto assoluto ed occupa il secondo posto di classe E2 SS 3000, facendo registrare un tempo molto interessante.

Brillante rientro alle gare per il locale Matteo Moratelli che con la piccola ma pepata Osella PA21 JRB, chiude appena fuori della top ten, classificandosi undicesimo assoluto e occupando il terzo posto di classe E2 SC 1000.

Il padovano Luca Gaetani continua la sua serie di vittorie, salendo ancora una volta sul gradino più alto del podio della classe GT Cup oltre 3000 con la sua ammiratissima Ferrari 458 Evo.

Paolo Venturi, con la fida Elia Avrio St09 Evo vince la classe E2 SC 2000, precedendo anche vetture più potenti e performanti della sua piccola biposto, auto inserita in una categoria superiore per mancanza di iscritti nella classe di pertinenza.

Qualche problema di gomme ha penalizzato il locale Gino Pedrotti che con l'abituale Formula Renault si deve accontentare del quarto posto della classe E2 SS 2000. Renzo Meneghetti porta la Lucchini motorizzata BMW al secondo posto della classe E2 SC 3000.

Nel gruppo N bella gara per il vittoriese Michele Da Ros, che porta, nella classe 2000, la Renault Clio Rs al secondo posto, precedendo il compagno di colori Massimo Cerri che si classifica quinto con la più vecchia Renault Clio Williams.

Nella stessa categoria gara da dimenticare per il padovano Adriano Pilotto, che a causa della rottura di un semiasse della sua Honda Civic Typer non va oltre l'ottavo posto finale.

Tra le vetture di gruppo Racing Start Plus, bella prova della locale Barbara Gionco che chiude all'ottavo posto di classe 1.6TB con la sua Mini Cooper S.

Nonostante la poca esperienza, Elia Favero ha portato a termine la gara definita da tutti l'università delle cronoscalate. Per lui un buon nono posto della agguerrita classe N1600 con la Peugeot 106.

Gara sfortunata per Maurizio Boschi, che fortemente penalizzato dal tempo perso per un testa coda, non porta oltre l'ottavo posto di classe E1 2000 la sua Opel Astra Kit.

Il torinese Giovanni Regis, è costretto ad alzare bandiera bianca per il cedimento della pompa della benzina della sua piccola Peugeot 106 quando stava facendo registrare degli intermedi assai interessanti.

Nella speciale classifica riservata alle autostoriche, vittoria di classe N oltre 2000 del raggruppamento J2 per l'orologiaio trevigiano Roberto Vincenzi, in gara con la sua BMW M3.